“Forse è giusto così”: il primo album dei Balto esce oggi

I Balto escono oggi con il loro primo album, le cui canzoni hanno iniziato a prendere vita già nel 2018, durante il loro primo tour autoprodotto, dove carichi di entusiasmo, avevano pubblicato il nostro primo EP mentre scoprivano l’Italia con la loro musica.

 

 

Chi sono i Balto

“I portici di Bologna e gli spaghetti alle vongole sul lungomare di Rimini, Murakami, i treni regionali”
I Balto raccontano la vita universitaria, le difficoltà e le incertezze di un futuro prossimo che sembra aver dimenticato di sorridere, la vita dentro le proprie camere in affitto, le paure protette dai portici della città di Bologna.

La band nasce all’inizio dell’estate del 2017, quando grazie ad un contest locale ha l’occasione di aprire un concerto dei Canova in Piazza del Popolo a Cesena. Anche all’epoca c’erano le canzoni, un mare di storie e il bisogno di raccontarle, ma non ancora un nome definitivo del progetto.

Ecco lo sfondo alle registrazioni del primo EP della band, “È tutto normale”, cinque canzoni focalizzate sull’incertezza quotidiana, con la solitudine in veste di arma a doppio taglio e il bisogno di rivalsa in fondo al bicchiere dell’accettazione della “vita normale”.  Singolo dell’EP“Spine nel fianco”.

A Novembre 2017 l’EP esce per Alka record, seguito da un tour autoprodotto in tutto il centro e Nord Italia, che si conclude nella primavera di due anni dopo.

La scrittura del primo album ha inizio nei primi mesi del 2018 con una nuova direzione che influenza sempre di più l’approccio della band nella ricerca della propria verità sonora.

La sala prove diventa una stanza in affitto a Bologna, a volte un treno regionale, una panchina sul lungomare alle 2 di notte, dopo una giornata di lavoro dietro a un bancone o a servire ai tavoli dei turisti. E poi ancora una connessione su Skype tra l’Italia e la Francia, tra Bologna e la Romagna.

Tutti momenti scanditi dalla consapevolezza di perdersi la magia del suonare insieme in una saletta di provincia, dalla necessità di farlo superando la lontananza, dal respirare le stesse sensazioni anche a 500 chilometri di distanza.
Agli inizi del 2019 arriva l’incontro dei Balto con Manuele Fusaroli, produttore ferrarese di buona parte dei dischi dell’indierock degli anni Zero e ’10 con il quale nasce un rapporto di stima e condivisione e che porta a Settembre 2019 all’inisio della produzione e registrazione del primo album dei BALTO. Insieme a Fusaroli, il giovane produttore Michele Guberti presso il Natural Head Quarter di Ferrara.
È proprio da queste nuove canzoni che nasce la collaborazione della band con Pioggia Rossa Dischi e Schiuma Dischi. Il primo singolo di questo nuovo progetto, “Quella Tua Voglia Di restare”, uscito a Maggio 2020, è una lettera ad un genitore scritta dal futuro, un esercizio di immaginazione per cercare una propria sicurezza interiore, una strada da percorre. Seguono “Preghiera Della Sera” e “Mac Baren”, uscite sempre nello stesso anno 2020 segnato dall’incertezza legata allo stato pandemico.