PABLO: “OROLOGIO FALSO” è il nuovo singolo

Il tempo vale più di qualsiasi strumento lo misuri, che sia oro o semplice ferraglia un orologio rimane solo una carcassa.

OROLOGIO FALSO è il nuovo singolo di PABLO progetto in bilico tra urban, rap e world music, in collaborazione con Humble e Believe Digital. Insieme al debut single Milano, questo nuovo brano anticipa il disco previsto in primavera.
 
L’artista casertano ci rende ancora una volta spettatori della sua storia, se in Milano ci racconta cosa significa emigrare, tra nostalgia e voglia di rivalsa, in OROLOGIO FALSO affronta il tema del tempo. Un racconto che evoca un’esperienza estrema, vissuta in prima persona da PABLO: ritrovatosi con una pistola puntata alla tempia a tenere testa a chi, con lo sguardo di una carogna, sarebbe stato pronto a sparare per pochi euro.
 

 

Il tempo vale più di qualsiasi strumento lo misuri, che sia oro o semplice ferraglia un orologio rimane solo una carcassa. Orologio falso parla di una storia realmente accaduta. Trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato, vedere gli occhi di chi non avrebbe esitato a premere il grilletto senza nemmeno sapere il perché. Ringrazio Dio tutti i giorni per aver fermato in tempo chi avrebbe potuto fermare il mio, di tempo.” Pablo

 Quel momento in cui tutta la vita scorre rapidamente davanti ai tuoi occhi, diventa l’occasione per capire il vero valore del tempo e per parlare di come cambia il rapporto con esso. La dove “a volte è difficile fare la scelta giusta perché o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame” (Totò), anche la scelta linguistica e musicale diventa significativa e non è casuale. Prendendo spunto dalle tradizioni, dalla forza espressiva della propria terra e mescolandola con quello che potremmo definire Urban di ispirazione Francese, PABLO ci mostra un mix di tradizione e innovazione. Alla base c’è la voglia di raccontarsi e di far arrivare questi racconti a tutti, perché rappresentano la realtà e la quotidianità, non soltanto di chi è nato a Caserta ma di chiunque cresca immerso nel disagio e nella povertà. Sono quei ragazzi di vita pasoliniani dimenticati ignorati e messi ai margini, in quelle periferie del mondo dove le regole cambiano, così come anche il valore del tempo, adattandosi alla cruda realtà.


 

Continua così il viaggio di PABLO che parte dal rap a Caserta, ma il suo continuo esplorare l’ha portato a mescolarsi con altri luoghi e con altre sonorità: rap urban Francese, musica Araba, world music, pop, r’n’b, blues, tutto tenuto insieme dalle fondamenta delle origini. Nasce così un progetto meticcio, crudo e forte come solo chi mostra le proprie ferite.


 
BIOGRAFIA

Paolo Brazza in arte “Pablo” è nato a Caserta nel 1992. Si rifugia nella musica già in tenera età,  inizia a cantare a 9 anni e successivamente a studiare canto fino a specializzarsi in canto pop.  
 Nel 2013 pubblica, da indipendente, il suo primo lavoro da solista e nel 2015 il suo primo disco in cui lascia già intravedere l’intenzione di usare il rap per esplorare nuovi generi ed arricchire le sue sonorità.
 Dal 2017 collabora con Ugo Scicolone al progetto “Speranza” che coordina in qualità di manager e al quale contribuisce anche come seconda voce e performer, esibendosi sui palchi dei club e dei festival più importanti d’Italia.
 Paolo sta lavorando al suo disco, che uscirà nella primavera del 2021. Un nuovo progetto da solista che guarda al Pop ma con influenze che vengono dalla musica araba, dal rap, dall’hip hop, dalla world music, dall’RnB e dal blues.