QUANDO LA MUSICA INCONTRA LA SETTIMA ARTE – SPECIALE SERIE TV: Penny Dreadful

Rubrica a cura di Vito D’addesa

QUANDO LA MUSICA INCONTRA LA SETTIMA ARTE presenta il primo special dedicato alle serie tv.

Questo primo mercoledì di agosto parleremo della serie televisiva statunitense e britannica Penny Dreadful.

Prende il nome dai “Penny Dreadful”, tipo di pubblicazione periodica diffusasi nel Regno Unito nel corso del XIX secolo. Caratterizzate dal basso costo, un penny, proponevano narrazioni a puntate rivolte per lo più al proletariato e alla borghesia impiegatizia, contribuendo a far sì che il romanzo gotico divenisse popolare. Quindi sì, Penny Dreadful è una serie tv di genere gotico, dell’orrore, thriller.

Ispirandosi al fumetto “La Lega degli Straordinari Gentlemen” di Alan Moore, la serie intreccia le origini di personaggi della letteratura horror come Victor Frankenstein, Dorian Gray, Dr. Jekyll, il conte Dracula, licantropi, streghe e vampiri, i quali sono alle prese con la loro alienazione mostruosa nella Londra vittoriana.

La serie ideata da John Logan, il quale firma la sceneggiatura di 24 dei 27 episodi che compongono le 3 stagioni della serie, vede come protagonista indiscussa l’affascinante Eva Green che, con il suo talento e l’assurda bellezza, strega lo spettatore e lo costringe a restare incollato allo schermo e a guardare una puntata dopo l’altra. La Green interpreta la misteriosa Vanessa Ives, amica intima e collega di Sir Malcolm (Timothy Dalton), che come l’uomo dà la caccia alle creature soprannaturali e si occupa di reclutare persone disposte ad unirsi alla loro causa, tra i quali lo spavaldo Ethan Chandler (Josh Hartnett) e il brillante scienziato Victor Frankenstein (Harry Treadaway).

Eva Green è Vanessa Ives in Penny Dreadful

Non esistono serie tv come Penny Dreadful, che riescono ad intrecciare le vite di personaggi così particolari in maniera credibile, in un contesto fantastico ed oscuro, all’interno della cupa capitale britannica, già colpita nel passato recente dalle nefandezze di Jack lo Squartatore. Come si sarà già intuito, la serie lascia spazio ad un’ampia caratterizzazione dei personaggi, mette a nudo le loro abilità, ma soprattutto le loro debolezze, le loro paure, le loro sofferenze vissute.

Alcuni dei personaggi principali in Penny Dreadful

Un elemento imprescindibile della serie è sicuramente la colonna sonora, composta da polacco Abel Korzeniowski. Soltanto ascoltando la colonna sonora si possono percepire le atmosfere regnanti in Penny Dreadful. Certamente degno di nota è il seguente brano, che è possibile ascoltare nella bellissima sigla della serie:

Demimonde (Main Title) – Abel Korzeniowski

 

Mi fermo qui nel parlare della serie, non vorrei farmi sfuggire qualche dettaglio importante ai fini della trama. Detto questo, mi auguro che vi piaccia almeno la metà di quanto è piaciuta a me, che sono in trepidazione per lo spin-off Penny Dreadful: City of Angels, il quale sarà ambientato nella Los Angeles del 1938.