NEWS

THE ZEN CIRCUS: dopo aver vinto il “PREMIO PIMI 2018”, continua il tour “IL FUOCO IN UNA STANZA” – Ecco le date

Dopo l’uscita di “Il mondo come lo vorrei”, terzo video e singolo estratto dall’ultimo album “Il fuoco in una stanza” (Woodworm Label/La Tempesta) e la partecipazione al Concerto del Primo Maggio di Piazza San Giovanni a Roma, gli Zen Circus proseguono il loro tour estivo.

Lo scorso 17 luglio, gli Zen Circus sono stati eletti dal MEI artisti indipendenti dell’anno, vincendo il “Premio PIMI 2018” per la loro carriera ventennale all’insegna della coerenza e della continua ricerca di qualità musicale e testuale. La cerimonia di consegna è in programma il 29 settembre sul palco del Teatro Masini di Faenza durante le giornate del MEI 2018.
Inoltre, il 19 luglio, la band è stata premiata ad Aulla (MS) in occasione del Premio Lunezia, con una menzione speciale per l’album “Il fuoco in una stanza”.

“IL FUOCO IN UNA STANZA TOUR ESTIVO”
02-ago Livorno – Effetto Venezia
04-ago Lamezia (CZ) – Color Fest
07-ago Molfetta (BA) – Eremo Club
08-ago Melpignano (LE) So What Festival
09-ago Tindari (ME) – Teatro Greco di Tindari – Indiegeno Fest
23-ago Riolo Terme (RA) – Frogstock Festival
24-ago Brescia – Festa di Radio Onda d’Urto
25-ago Vinadio (CN) – Balla coi Cinghiali
26-ago Fabrica di Roma (VT) – FDB Festival – NUOVA DATA
01-set Reggio Emilia – FestaReggio
02-set Prato – Settembre/Prato è Spettacolo06-set Milano – Carroponte / Festa di Radio Popolare 

Le date del tour, nelle più importanti rassegne estive nazionali, rappresentano una serie di nuove occasioni per godere dal vivo dell’energia trascinante della band, che continua a conquistare un folto pubblico.

Sono state, infatti, 15.000 le presenze registrate nei primi 7 grandi eventi indoor, a confermare la potenza espressiva e la forza catartica che gli Zen Circus, da veri artigiani della musica, riescono a creare salendo sul palco.

 

L’album, uscito lo scorso 2 marzo per Woodworm Label e La Tempesta, nella settimana di uscita, è entrato direttamente al 7° posto nella classifica dei dischi e al 1° posto dei vinili più venduti in Italia secondo FIMI/Gfk, complice anche la cura minuziosa dell’ossatura dell’artwork dell’album.

“Il fuoco in una stanza”, dalla data di uscita, è rimasto per ben 10 settimane in classifica (FIMI/Gfk). 

Il disco è stato presentato in numerose trasmissioni televisive e radiofoniche, raccogliendo un crescente interesse anche da parte della stampa e della critica.

Tra le ultime apparizioni televisive, la band è stata ospite musicale della settima puntata della terza stagione della fiction di Rai1 “Tutto può succedere” (9 luglio).

Inoltre, il programma di culto di Rai3 “Blob” ha trasmesso integralmente il nuovo video de “Il mondo come lo vorrei” nella puntata di domenica 8 luglio.

 

 

“IL FUOCO IN UNA STANZA” – IL DISCO

L’album affronta e sviscera i rapporti affettivi che segnano la nostra esistenza e determinano la nostra identità. Si tratta di un album musicalmente e narrativamente eterogeneo, dedicato alla ricerca di un senso molto più profondo dell’esistenza dove il sentimento di una madre, di un padre, un figlio o un amante sono, alla fine, espressioni della stessa verità. 

Dall’album “Il fuoco in una stanza” sono stati estratti tre singoli e video: “Catene”, “Il fuoco in una stanza” e “Il mondo come lo vorrei.

 

LA BAND PARLA DEL DISCO “IL FUOCO IN UNA STANZA”

Parlare degli altri parlando di se stessi. E viceversa.

Una volta abbiamo cantato che “gli altri siamo noi, gli altri siamo tutti” e con questo album abbiamo voluto approfondire entrando direttamente nelle stanze dei nostri personaggi, ovvero noi stessi e le persone alle quali siamo indissolubilmente legati da catene più o meno invisibili. Narrare senza fronzoli o eccessivo romanticismo (ma nemmeno troppo bieco e posato cinismo) di tutti quei rapporti umani che ci definiscono e ci rendono quello che siamo; il paradosso dell’individualità che esiste davvero solo quando può essere testimoniata da altre anime simili, gli altri appunto.

Se nella celebre stanza di Gino Paoli si intravedeva il cielo, nelle stanze di questo disco si vedono fuochi più o meno benevoli, fiamme o veri e propri incendi di vita.

Un album di cui andiamo molto fieri, lavorato costantemente fin dal Maggio 2016, ovvero quattro mesi prima che uscisse “La terza guerra mondiale”.

È il disco su cui abbiamo lavorato di più in studio nella nostra carriera; musicalmente eterogeneo e poliglotta nella narrazione per lo scopo di avvicinarsi a noi, tutti diversi ma tutti uguali: figli, madri, padri o amanti.

 

TRACKLIST

1.     Catene

2.     La Stagione

3.     Il Mondo Come lo Vorrei

4.     Sono Umano

5.     Il Fuoco in una Stanza

6.     Low Cost

7.     Emily no

8.     Rosso o nero

9.     Quello che Funziona

10.  Panico

11.  La Teoria delle Stringhe

12.  Questa non è una canzone

13.  Caro Luca

 

THE ZEN CIRCUS BIOGRAFIA

Il Circo Zen, da Pisa. Dieci album ed un Ep all’attivo, venti anni di onorata carriera ed oltre mille concerti. Ha riportato lo spirito padre del folk e del punk al moderno cantautorato con Andate Tutti Affanculo (2009), un album che l’ha consacrato dopo anni di duro lavoro. Il disco – per Rolling Stone fra i migliori 100 album Italiani di tutti i tempi – ha contribuito a definire la nuova generazione della musica italiana degli anni zero. Precedentemente la band ha collaborato con tre mostri sacri dell’alternative americano, come Violent Femmes, Pixies e Talking Heads in Villa Inferno (2008).

The Zen Circus si è costruito una credibilità condivisibile da pochissimi altri artisti nostrani grazie all’attività live più incessante, urgente e di qualità che si possa immaginare. Ha confermato e moltiplicato il proprio pubblico con Nati Per Subire (2011) fino a raggiungere la top ten della classifica Fimi/Gfk ed il primo posto di quella generale di iTunes con Canzoni Contro La Natura (2014). Oggi più che mai il gruppo si conferma come una certezza del rock indipendente Italiano, portabandiera indiscutibile della musica libera da vincoli: zero pose, zero hype, ma solo tanto, tanto sudore. Questa attitudine è stata premiata nel tempo da un pubblico affezionato e sempre più trans generazionale, che riempie ormai da anni i migliori club e i migliori festival del paese.

Con l’album “La Terza Guerra Mondiale” (La Tempesta, 2016) hanno superato tutti i loro record, aumentando la loro già ampissima fanbase e incantando la critica, che li aveva sempre premiati. Questo ha permesso loro di affrontare il tour più lungo della loro carriera: 66 date in tutta Italia in 10 mesi, per oltre 98.000 presenze.

“La Terza Guerra Mondiale” è entrato direttamente al 6°posto della Classifica FIMI/Gfk dei dischi più venduti in Italia. E’ stato presentato in televisione in programmi come “Quelli che il calcio” di Rai 2 e nel TG3 nazionale e in programmi radio come Radio 1 Music Club, Radio Deejay Tropical Pizza, Radio 1 King Kong, Radio 2 Rock’n Roll Circus, Radio 3 La Lingua Batte.

L’album è stato recensito dalle principali testate nazionali, ricevendo un enorme consenso. Ne hanno parlato Repubblica Nazionale, il Corriere della Sera, La Stampa, L’Espresso, Il Fatto Quotidiano, Sette de Il Corriere della Sera, Internazionale, TV sorrisi e canzoni, Rolling Stone, tutte le riviste musicali e non solo.

Tutti i video estratti (“Ilenia”, “L’anima non conta” e “Non voglio ballare”) son stati trasmessi da RockTv e da MTV. Inoltre, hanno parlato degli Zen Circus e dell’album “La Terza Guerra Mondiale” più di 300 radio e oltre 1000 articoli online.

Il 10 agosto 2017 Radio 2 ha trasmesso l’intero concerto della band, registrato a giugno al Biografilm Festival di Bologna.

 

Il 2 marzo 2018 è uscito il nuovo disco “Il fuoco in una stanza” (Woodworm Label/La Tempesta Dischi) che nella settimana di uscita, è entrato direttamente al 7° posto nella classifica dei dischi e al 1° posto dei vinili più venduti in Italia secondo FIMI/Gfk, complice anche la cura minuziosa dell’ossatura dell’artwork dell’album.

Il fuoco in una stanza” dalla data di uscita è rimasto per ben 10 settimane in classifica (FIMI/Gfk). Il disco è stato presentato in numerose trasmissioni televisive e radiofoniche, raccogliendo un crescente interesse sia da parte del pubblico che della critica.

La band ha partecipato al Concerto del Primo Maggio di Piazza San Giovanni a Roma 2018.

 

Discografia:

  • 1998 – About Thieves, Farmers, Tramps and Policemen (come The Zen)
  • 2001 – Visited by the Ghost of Blind Willie Lemon Juice Namington IV (Ice For Everyone)
  • 2004 – Doctor Seduction
  • 2005 – Vita e opinioni di Nello Scarpellini, gentiluomo (I dischi de l’amico immaginario)
  • 2008 – Villa Inferno (Unhip Records, con Brian Ritchie)
  • 2009 – Andate tutti affanculo (Unhip Records, La Tempesta Dischi)
  • 2011 – Nati per subire (La Tempesta Dischi)
  • 2012 – Metal Arcade Vol. 1 (EP)
  • 2014 – Canzoni contro la natura (La Tempesta Dischi)
  • 2016 – La terza guerra mondiale (La Tempesta Dischi)
  • 2018 – Il fuoco in una stanza (Woodworm Label/La Tempesta Dischi)

 

 

 

Utilizzando questo sito web accetti di accettare la nostra Privacy Policy e and i Termini e Condizioni