LIVE REPORT, PHOTO REPORT

A metà tra poesia, musica e stand up comedy – lo spettaconcerto di Gio Evan @ Roma

0

a cure di Irene De Marco

Molti già lo conoscevano per i suoi libri. Quattro, per l’esattezza, di cui l’ultimo uscito a febbraio, immediatamente best seller, Ormai tra noi è tutto infinito (Fabbri Editori).
Adesso, Gio Evan si sta anche facendo strada nel mondo della musica. Il 17 aprile è uscito il suo primo album, Biglietto di solo ritorno (MArteLabel), un doppio disco che riassume la poliedricità di questo artista: prima poeta e poi musicista, un aspetto che non abbandona neanche in concerto.

Con queste premesse sabato ci siamo avventurati fino a Largo Venue, in una serata afosa e caldissima per assistere a quello che si preannunciava uno spettacolo imperdibile. 
L’apertura è stata affidata a Ivan Donatiello, che riscalda il pubblico con la sua band. Da subito l’atmosfera scanzonata e fresca cattura l’attenzione di tutti, anche grazie a dei musicisti davvero in gamba e il carisma di Ivan.

Ma il pubblico esplode quando sul palco sale Gio Evan, accompagnato dagli Anudo . Inizia il suo set con Pane in cassetta, ma quando questa finisce, invece di iniziarne un’altra, si inizia a raccontare e da subito si capisce che non è un semplice concerto.
Lo spettacolo di Gio è a metà tra un reading delle sue poesie, sempre molto reali, e la stand up comedy. Quello che forse anche chi lo conosceva già ancora non sa, è che Gio non fa solo emozionare con le sue parole, ma anche ridere.
Tra le poesie e le canzoni ci racconta episodi della sua vita, della sua infanzia e dei suoi viaggi, tutto con la solita semplicità che lo contraddistingue, ma anche con una verve comica non da poco. 
Il pubblico canta, si emoziona e ride. 
Dal racconto delle prime uscite con i vecchi amici dopo anni di isolamento e quelli del suo papà barese e il suo voler essere un rapper ma essere troppo tenero; ogni racconto è collegato a una poesia e poi a una canzone.
Il pubblico canta e ride, non si perde neanche un minuto di concerto. Alla fine, emozionati, si allontanano con il ricordo di una serata splendida.
“Che tanto tutto scorre e un attimo dura una vita”.

 

 

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando questo sito web accetti di accettare la nostra Privacy Policy e and i Termini e Condizioni