Surfer Joe Vintage Music Festival

26-27-28 maggio, tre giorni pieni di concerti, stand, dj set per l’edizione 2017 del Surfer Joe Vintage Music Festival di Livorno.

In una location spettacolare, sulla famosissima Terrazza Mascagni con i suoi meravigliosi tramonti sul mare, con una sempre impeccabile organizzazione, questa volta arricchita dalla diretta video del Surfer Joe Broadcasting, durante tre giornate estive si sono alternati su diversi palchi band e DJ dal pomeriggio fino alla notte senza interruzione alcuna.
Perché alla fine non eri tu spettatore a seguire il Surfer Joe Vintage Music Festival, ma era il festival stesso che seguiva te. Per questa ragione alle 21 i concerti si spostavano dal palco esterno alla zona dinner, in modo da poter mangiare con calma, senza la fretta di uscire a vedere il gruppo, senza il rischio di perdersi qualcosa di interessante. Finita la cena, il concerto tornava nuovamente sul palco esterno, affiancato da un ottimo bar per bevande e cocktail da un lato e da un forgoncino anch’esso vintage dove poter acquistare cibo da consumare sul momento.

Putroppo arriviamo al festival solo nel pomeriggio di sabato, perdendoci alcuni interessanti concerti del venerdì.
Sono le 16,30 e la Terrazza Mascagni si riempie di coppie intente a ballare lo swing, sotto le sapienti gesta, movimenti, indicazioni e consigli di due professionisti.

Nel frattempo sul palco i Partners in Crime 

I Partners in Crime nascono dal progetto di Simone Di Maggio  (The Astrophonix) e  Angelo “Hank” Castiglione (Shame Blues Band).
Nella band troviamo appunto Simone Di Maggio alla chitarra e voce, Angelo Castiglione armonica e voce principale, Tommy Faglia al contrabbasso e Dr. Kotroz  all batteria.

Non avevamo ancora sentito i Partners in Love, sarà per il genere, sarà per la presenza del contrabbasso, il cui suono tanto amiamo, ci entusiasmiamo davvero per questa band, e quello che succede è un po’ come in Ritorno al Futuro dove il chitarrista del giovane Marty McFly  si precipita a telefonare a suo cugino Chuck Berry per fargli ascoltare in diretta “quel nuovo sound che stava cercando”.

 

Insomma non è andata proprio in maniera così spettacolare,  ma a grandi linee…

 

Mandiamo messaggio ed una foto ella band ad una nostra amica, vorace di musica,  dicendole che eravamo a vedere un gruppo molto interessante ed invitandola al concerto. Ovviamente la seconda parte doveva essere una presa in giro abitando lei molto molto lontano sarebbe stata impossibilitata a venire, almeno in tempi così ristretti.

 

La sua risposta è stata per noi disarmante, una semplice foto e già aveva capito tutto. 

Ad ogni modo con le dirette video facebook che abbiamo fatto nella serata (e che trovate alla fine di questo post, siamo riusciti certamente a farla “rosicare” il giusto.

 

 

Ma ora lasciamo spazio alla storia dello loro esibizione raccontata tramite immagini, video 360° e animazioni da Maurizio Lucchini

La photograllery

Il video a 360°muovi il muose o lo smartphone per diventare tu stesso regista e scegliere il punto di osservazione del concerto

La musica dei Partners in Crime non ti lascia indiffernte

Questa la setlist:

Georgia Slop

Rockin Robin

My Way

Slippin and Slidin

Nobody Loves You Like Me

Frenzy

Maybellene

The House is Rockin

I’ll Be Satisfied

You Can’t Judge a Book

Lucille

Somewhere Down the Line

Sheena is Back

I’m Shakin

Hey Heu Hey Hey

King Kong

This Cat’s On a Hot Tin Roof

 

Dopo i Partners in Crime è ora di cena e la strategia del Surfer Joe è stata perfetta. Il concerto si sposta all’interno del bellissimo locale con un look molto vintage, che ci riporta indietro nel tempo grazie alle ambientazione in stile Happy Days.
L’ambiente, adatto per il genere musicale, mal si prestava agli scatti fotografici,  ma quel che conta è il pensiero 🙂

Questi sono Germano & Denny Blue Grass Duet  che avremo modo di riapprezzare e fotografare il giorno seguente con la luce diurna. Denny Rocchio e Germano Ciavone hanno fatto respirare atmosfere Blue grass.

La cena è finita, il concerto ricomincia sul palco esterno. E’ il turno dei Capt Crunch and the Bunch la band formata da Andrea ‘Vipera’ Salani (storico batterista di  CCM, I Refuse It, Fase Quattro) e da Giorgio “Frank Crunch” Chini (ex vocalist di Fase Quattro e de La Cattiva Esperienza), insieme ad Emiliano “Er Biacco” Marianelli (ex Toni CrimineCabin Fever), al bassista Francesco Falorni (Reverberati e The Bugz) e al chitarrista Frankie Bo.

A seguire la galleria fotografica, video 360° di Maurizio Lucchini

Questa la loro Setlist:

Pitch Black

Revelation

Chi ti credi di essere

Tu non puoi

Dont’ build your dreams

Sputare sul format

Izio

Lavoro

End of joy

Beata te

Bride of satan

I can’t get away

Te seeker

Johnny / Dormire sulle spine

Nel vento  / Two pair

Necro /  Jenny

 

 

Il video a 360°muovi il muose o lo smartphone per diventare tu stesso regista e scegliere il punto di osservazione del concerto

A chiudere la serata il gruppo acid rock milanese Giobia, composto da Stefano Basurto, Paolo Basurto, Saffo Fontana, Stefano Betta.
Ecco le immagini e il  video 360° realizzati da Maurizio Lucchini

Il video a 360°muovi il muose o lo smartphone per diventare tu stesso regista e scegliere il punto di osservazione del concerto


 

La serata si conclude con il Dj Set di Dome la Muerte  che ritroveremo special guest a sorpresa il giorno seguente, con Gli Avvoltoi.

La domenica i livornesi vanno al mare, i livornesi vanno sempre al mare quando c’è almeno un lumicino di sole, che sia estate, inverno, nelle pause pranzo infrasettimanali e nei week-end.  Figuriamoci in una domenica pomeriggio estiva.
La ricerca di un agognato parcheggio ci ha costretti ad un ritardo, arriviamo infatti quando i Germano & Denny Blue Grass Duet stanno già sul palco. Abbiamo però il tempo di fare qualche foto e qualche video. Eccoli in versione diurna.

Il video a 360°muovi il muose o lo smartphone per diventare tu stesso regista e scegliere il punto di osservazione del concerto


 

A loro succede, questa volta al mixer, Sandra Dee Campli per il Dj set pomeridiano, pre e post concerto de Gli Avvoltoi.

Ed infatti è il turno de Gli Avvolti, band che non ha certo bisogno di presentazioni, che oggi si presenta nell’attuale formazione composta da Moreno Spirogi alla Voce, Matteo Cincopan alla Chitarra, Nicola Bagnoli al Piano Organo, Michele Rizzoli al Basso e  Giampiero JP Palazzino alla Batteria e ospite della serata, per 3 o 4 pezzi Dome La Muerte, che ha suonato nella band in passato.

Il concerto ha entusiasmato persone di ogni età, sesso, etnia, ed ecco alcun scatti che dimostrano la veridicità delle nostre parole

Ed ecco la setlist

Lancio

Sono un uomo

Quando vuoi scappare

Eh Eh Ah AH

Tu lo sai

Federica

Brucia

Tutto nero

Vi voglio finalmente tutti qua

Dammi la mano

Un uomo rispettabile

Isabel

Gli avvoltoi sono qua

Confessioni di un  povero imbecille

Accidenti

Queste sono le dirette facebook della serata

 

 

Foto, testi, animazioni e video 360° di Maurizio Lucchini

Altri articoli su Surfer Joe