APOCALYPTIPOP / STASH RIDERS

  1. Kermit
  2. The Mammoth song
  3. Cairo
  4. He’s a fisherman he’s a chef
  5. Talisman
  6. Me, You and everybody know
  7. Business call
  8. Without space and time
  9. Fish porn

 

Apocalyptipop: solo dal nome si può capire di quante sfaccettature sonore sia composto il nuovo disco degli Stash Riders, gruppo di Catania formato da ben 6 componenti.

Appena inizia Kermit si percepiscono i diversi approcci alla musica dei vari componenti. Una miscela di suoni colorati dalla batteria al sax con le due voci una maschile e l’altra femminile che si staccano per poi fondersi insieme. Sono suoni potenti e anche un po’ oscuri quelli che invece sono presenti in The Mammoth Song, con acide chitarre unite alla voce chiara e precisa della cantante che si contrappone a quella bassa e sensuale maschile. Poco prima della fine della canzone, abbandonati i ritmi più dark, una fase sperimentale lascia lo spazio a suoni che sembrano creati casualmente e invece sono di una precisa attenzione. Cairo si apre con un aurea molto esotica, sembra proprio di essere su una spiaggia egizia a sorseggiare cocktail attorniati però da un area mistica quasi aliena. Insomma ci si ritrova un po’ spaesati, ma incantati. Con He’s fisherman he’s chef la psichedelia dei ragazzi prevale e con un inizio dai ritmi tribali e una chitarra dolce si finisce per essere avvolti in un atmosfera onirica. Talisman invece ha bel tocco garage che dà un ritmo frenetico a tutto il pezzo. In Me, you and everybody know,molto piu psych pop, le chitarre e il sax si sfidano ad armi pari con le due voci mentre le tastiere spiccano, come anche in Business Call, dando un taglio più armonioso alle frizzanti sonorità caratteristiche della band. Without space and time non poteva che aprirsi con un ipnotizzante sitar, che conduce per mano l’ascoltatore portandolo in un mondo fantastico. Ultima canzone Fish Porn racchiude l’essenza della mini-orchestra psichedelica. Tutti i diversi strumenti qui si congiungono, trasportando Apocalyptipop su un’altra dimensione.

Se volete viaggiare in tanti diversi mondi in meno di un’ora allora ascoltate questo disco, dove ogni traccia vi trasporterà in un immaginario particolare e sognante dalle atmosfere surreali e visionarie.

 


Consulta anche: Agenda Concerti


Autrice: Beatrice Dusi


red_arrows