NESSUN DORMA GUIDONIA ROCK FEST 2015 – 12-13-14 GIUGNO 2015

A pensare che era alla sua prima edizione non ci potremmo credere: il Nessun Dorma Guidonia Rock Festival è nato che già sembrava grande, per organizzazione, gente, divertimento e bella musica. Tre giorni di festival gratuito, dal 12 al 14 giugno, a Guidonia, a due passi da Roma, durante i quali la musica l’ha fatta decisamente da padrone portando sul palco alcuni tra i migliori gruppi del panorama indipendente italiano.

Un sogno realizzato – così ci dicevano – grazie alla volontà di chi ha creduto e investito sulla possibilità di fare di Guidonia una preziosa occasione per chi crede nella musica e vuole farla e ascoltarla. Accanto ai nomi più conosciuti, il Festival ha dato inoltre la possibilità anche ai gruppi emergenti di esibirsi nel tardo pomeriggio sul second stage, tra libri, vinili e stand vari, pizza arrosticini e birra compresi.

Ad inaugurare la prima serata sono stati il Pan del Diavolo, Ale e Gianluca, che hanno caricato il pubblico presente con i loro ritmi folk and blues. A seguire, il gruppo di casa, il Muro del Canto, gruppo romano che con i suoi pezzi popolari ha fatto ballare grandi e piccini. E così la prima serata aveva fatto già il botto.

Sabato è stata poi la volta dei Kutso, famosi per il secondo posto conquistato a Sanremo Giovani, sicuramente però ingeneroso rispetto allo show che sono in grado di portare sul palco. Io personalmente ero partita molto titubante, ma è stata una delle performance più trascinanti e divertenti cui abbia mai assistito. A seguire i ben noti Marta sui Tubi, Gulino alla voce, Pipitone alla chitarra e Paolini alla batteria, in versione ridotta rispetto all’ultima volta che li ho visti ad Apolide Free Rock Festival lo scorso anno a Vialfré, e forse qualcosa è mancato.

Per la serata di chiusura due gruppi d’eccezione: Management del dolore post-operatorio e Fast Animals & Slow Kids ed è andata bene che la pinetina di Guidonia sia sopravvissuta al loro show. Romagnoli ha iniziato a cantare che già era sotto palco a cantare tra il pubblico, un pubblico carichissimo che non si è risparmiato per tutta la serata, tra sudore e canzoni a squarciagola. E’ stata infine la volta dei FASK: “Amici, noi siamo i Fast Animals e veniamo da Perugia. Fino ad ora abbiamo scherzato: ora dobbiamo spaccare questo posto!”.

Adesso aspettiamo la seconda edizione del Festival, noi torneremo sicuramente. Perché non potrà non esserci il seguito. Hanno promesso che si farà. D’altronde questo è un festival bello, divertente e ben organizzato come ce ne sarebbe bisogno in tutta Italia. Presentatore d’eccezione delle tre serate è stato Federico Guglielmi uno tra i più autorevoli e appassionati giornalisti musicali italiani.


Consulta anche: Agenda Concerti


Autrice: Romina Zago


red_arrows