ABBI CURA DI TE / LEVANTE

“Abbi cura di te” così Levante chiama il suo ultimo album pubblicato lo scorso Maggio per Carosello Records.

Il titolo sembra un invito che la cantautrice rivolge ai suoi ascoltatori, “Mi raccomando, abbiate cura di voi” il primo passo di un disco che cerca di essere un piccolo abecedario della felicità.

Tuttavia Levante non parla di contesti estranei alla sua realtà, né di storie altrui, Levante scrive e canta di sé, dei traguardi che le hanno permesso di scrivere la sua storia.

Il primo brano che accoglie l’ascoltare è “Le lacrime non macchiano” che rende subito chiaro il taglio personale e introspettivo che rimarrà invariato fino all’ultima traccia.

Le lacrime non macchiano racconta quanto sia difficile l’ascesa alla felicità, e quanto sacrificio comporti, riconoscendolo come un percorso che fa spendere lacrime e comporta cambiamenti spesso non visibili ad occhi altrui, ma propri di chi decide di essere felice. Felicità autentica, che una volta raggiunta, ripaga di ogni singola lacrima versata.

Un altro brano capace di entrare nel cuore ed emozionare sin dal primo ascolto è “Finché morte non ci separi”.


Leggi anche: Oh! / Linea 77


In questo testo Levante non parla di sé, ma di una delle storie d’amore che hanno fatto parte della sua realtà: quella dei suoi genitori. Decide quindi di cantare questo brano con sua madre e mai scelta fu più azzeccata.

Finché morte non ci separi è uno di quei brani che non si dimentica dopo il primo ascolto, che cerca l’emotività dell’ascoltatore e senza dubbio riesce a conquistarla.

C’è molto della personalità di Claudia Lagona anche in “Mi amo” brano che sembra un inno all’amor proprio, un atto di autostima e non di egocentrismo, perché è un “mi amo” frutto di battaglie, è il “mi amo” di una donna fiera di sé, fiera di quel che è diventata.

Levante ribadisce la sua ostilità nei confronti dei party in “Pose plastiche”.

Che le feste non piacessero alla cantautrice siciliana era chiaro dai tempi di “Alfonso” brano che è stato un vero e proprio tormentone nel 2013.

In pose plastiche Levante ribadisce l’antipatia dei tipici soggetti che si incontrano ad una festa, da quelli che partecipano a vere e proprie gare di ego a chi indossa sorrisi all’occorrenza.

Abbi cura di te è senza dubbio un album di qualità, curato nel dettaglio, dove musica e parole coesistono alla perfezione.

Nonostante non sia facile affrontare i temi trattati, l’artista non scade mai nella banalità, portando a termine un lavoro originale, mai stucchevole o noioso.


Consulta anche: Agenda Concerti


Autore: Martina Marzano

red_arrows