FOCUS ON > INTERVISTA SPECIALE AI VENUS IN FURS

Vincere l’Italia Wave ed il Lucca Summer Festival, partecipare al MEI di Faenza ed al Premio Buscaglione, ha indiscutibilmente un grande valore. Ma ne ha doppio se a riuscirci è un gruppo che suona da tanti anni e che ha subito cambi di formazione e momenti più bui. Ma la sorte prima o poi premia gli audaci ed è quello che sta succedendo ai talentuosi “Venus in Furs”, quartetto pisano che ha saputo capitalizzare le esperienze maturate in questi lunghi anni di attività per reinventarsi ed emergere finalmente in tutta la propria qualità musicale. “Siamo pur sempre animali” è il disco d’esordio, uscito nell’ottobre 2011, biglietto da visita di un collettivo che incassa il favore della critica più influente e che registra collaborazioni veramente importanti (non ultimo Andrea Appino, frontman degli Zen Circus) ed un tour che li ha visti suonare assieme a gruppi del calibro dei Diaframma, Zen Circus, Tre Allegri Ragazzi Morti. Uscito ad Aprile 2013 nell’innovativo formato key-play usb, “BRA! Braccia Rubate all’Agricoltura” è il disco di conferma per i “Venus in Furs”. Un inconsapevole concept album sulla nostra società che dimostra come tutti siamo in fondo “braccia rubate all’agricoltura”. Lasciamo ora la parola proprio ai Venus che in occasione dell’Aspettando Metarock di venerdì scorso hanno risposto alle nostre curiosità.

Tracklist “BRA! Braccia Rubate all’Agricoltura”:

1. Leggins
2. Braccia Rubate All’Agricoltura
3. Del Blues Dipinto Di Blues
4. Nel Nome Del Padre
5. Sotto Stress
6. Via Del Cappello

SOUNDCLOUD  Ascolta l’album “BRA!” in esclusiva su ondarock

YOU TUBE  Guarda il video di “Leggins”

Band:

Claudio Terreni (voce, chitarra, piano)
Marco “Zorro” Doni (basso, chitarra, cori)
Giampiero Silvi (violino, chitarra, organo, cori)
Giovanni Boschi (batteria)

Collegamenti e Link Esterni:

Sito Ufficiale  http://www.venusinfurs.it/sito/home.html
Facebook  https://www.facebook.com/venusinfursitaly

Autore: Emanuele Bazzaco